Cessione Quinto CessioneQuinto-INPDAP.com finanza per soggetti INPDAP

Le assicurazioni nella cessione del quinto

 

Tra  le agevolazioni più importanti della cessione del quinto si trova il fatto di avere, comprese nel proprio contratto di prestito, due polizze. Si tratta di un’assicurazione “rischio vita” e di un’ assicurazione “rischio perdita impiego”.
Il contratto assicurativo “rischio vita” protegge il richiedente e i suoi eredi nel caso di scomparsa prematura o invalidità permanente, in cui la compagnia assicurativa è obbligata a saldare l’intero debito residuo alla banca senza diritto di rivalsa sui familiari del richiedente.
La compagnia assicurativa però, non sarà tenuta a rimborsare il prestito nei casi di  suicidio, partecipazione del richiedente in attività rischiose o malattie gravi non dichiarate nel momento della firma del contratto di prestito.
Per quanto riguarda il costo della polizza assicurativa “rischio vita”, si stabilisce prima della stipula del contratto, in base a diversi fattori come l’età del richiedente, il sesso o la durata del prestito.
D’altra parte, questa formula di finanziamento comprende nel proprio contratto un’assicurazione “rischio perdita d’ impiego” che copre l’istituto erogante nel caso di perdita del posto di lavoro del richiedente. La polizza copre nel caso di licenziamento ingiustificato o fallimento dell’azienda, ma non avrà validità nei casi di dimissioni o licenziamento giustificato.
La polizza assicurativa rischio perdita impiego ha un unico premio ma può essere onorata con due modalità distinte mantenendo lo stesso importo; si può pagare direttamente all’istituto di credito facendola rientrare tra le commissioni bancarie – polizza rischio credito -  oppure si può saldare in anticipo creando una voce di spesa a sé  – polizza perdite pecuniarie-.
Anche nel caso dell’assicurazione “rischio perdita impiego”, il costo viene definito in precedenza alla stipula del contratto di prestito e varia in base alla categoria lavorativa del richiedente, ossia, il rischio esistente di perdita d’impiego. Ad esempio, nel caso dei dipendenti pubblici o dipendenti statali, il costo della polizza sarà modesto.